sabato 8 novembre 2008

APPIA ANTICA .....LA TROMBA D'ARIA DI MARTEDI' ABBATTE DECINE DI ALBERI



Sabato mattina recandomi sull'Appia Antica, per svolgere l'abitudinaria attività fisica (FITWALKING), ho trovato lo scenario di cui sopra, .......decine di alberi caduti su case e monumenti per causa della tromba d'aria di martedi', ma la vera colpa anche questa volta e' dovuta all'errato intervento dell'uomo, in quanto, gli alberi in questione, piantati agli inizi del '900 non hanno potuto sviluppare radici profonde perché la lava nel sottosuolo ne ha bloccato lo sviluppo.....una scelta errata visto la fine che hanno fatto.
"Appia Antica: «Rischiata la tragedia». «Abbiamo sfiorato la tragedia, trattandosi di una strada abitualmente percorsa da turisti e residenti»: lo ha detto il soprintendente per i Beni archeologici di Roma Angelo Bottini dopo il sopralluogo fatto sull'Appia Antica, dove sono crollati per la tromba d'aria di martedì una ventina di cipressi."

2 commenti:

RondoneR ha detto...

che il clima sia diventando assurdo e noi non siamo abituati a certi fenomeni è certo, ma come tu sottolinei, l'incapacità dei moderni "piantatori" è forte...

Lug il Marziano ha detto...

Cmq ero a Parigi il 31 ottobre del 2000 o 2001 o 2002, quando arrivò una grossa tromba d'aria. Nel bosco di Versailles solo caddero oltre 10000 piante. Purtroppo succede. Ho l'impressione che a Roma gli alberi si facciano crescere troppo. Molti alberelli piantati negli anni '50, adesso sono bestie di pini alti 25 metri. Difficili da gestire, se cadono fanno vere tragedie. E stanno cadendo. Forse dovremmo tenere gli alberi circa 30 anni e poi sostituirli.